Curiosità: Il salto della Pezzinga

 

Avete mai sentito parlare del "Salto di Pezzinga"? Il leggendario "Salto di Pezzinga" si trova nel vicolo Lungarini, che collega la via Alloro alla via Lungarini , nel centro storico di Palermo.
I Pezzinghi o Opezzinga erano una famiglia che, nel XV secolo, da Pisa si stabilì a Palermo e che divenne una delle famiglie più ricche e più potenti della nostra città.
Don Pietro Pezzinga, discendente di tale e nobile famiglia pare sia stato un ricco, potente e forse anche bello, cavaliere, tanto che le donne rimanevano intrappolate dal suo fascino e dalla sua abilità nelle arti amatorie.


Molte dame sognavano di finire tra le sue braccia e di essere da lui amate, diciamo che Don Pietro ci sapeva proprio fare!
Ad innamorarsi di lui, tra le tante dame, ci fu anche Camilla Vassallo e Gravina baronessa di Ganzaria, moglie di don Sancio Gravina.
La nobildama, durante il Carnevale del 1572, fu fulminata dal bel cavaliere e dopo una lunga resistenza, nell' assenza momentanea del marito e del suocero, che su di lei sempre vegliavano, finì col cedergli intessendo una tresca amorosa.
Ma come nei più classici tradimenti, un giorno il marito rientrò in città prima del previsto e la bella Camilla non sapeva come avvertire l'amante che, puntuale come tutte le sere, si presentò al palazzo.
Così, mentre i due erano insieme, i domestici avvertirono la presenza di un intruso.
Impavido del pericolo don Pietro Pezzinga consigliò alla donna di gridare "al ladro!", tanto da salvarle l'onore.
Il baldanzoso amante si dette alla fuga compiendo un prodigioso, quanto leggendario balzo dal parapetto della loggia al tetto del palazzo di fronte, dileguandosi attraverso i tetti delle case.
Il buio favorì Pezzinga che sgusciò via come un ombra sparendo nel nulla.
Da questa impresa malandrina venne fuori la leggenda del "Salto di Pezzinga" che diede il nome alla strada che successivamente venne rinominato vicolo Lungarini.

Visit in 888.com Register information.

Su questo sito utilizziamo cookies per gestire la navigazione. Cliccando ok o continuando a navigare ne accetti l'utilizzo. European law