Leggende e curiosità siciliane: Il Sale

Leggende e curiosità siciliane.
Oggi parliamo di sale.
Il sale tipico da cucina è oggi facilmente reperibile a buon mercato, ma una volta era considerato un elemento preziosissimo e costoso tanto da venire usato come prodotto di scambio e sottoposto a tassazione da parte dello Stato basti pensare, fra l'altro, che il compenso per gli operai viene ancora chiamato salario. Per questo, in segno di amicizia, non era raro riceverne una coppa e viceversa versarlo era un vero disastro tanto da essere considerato malaugurio, come oggi versare l'olio d'oliva (con quello che costa!).


Se il guaio nefasto si compiva accidentalmente allora si poteva porvi rimedio con lo stesso sale, lanciandone un pizzico dietro la spalla sinistra (chissà perché poi?).
Comunque, questa doppia qualità, malaugurioso e portentoso lo hanno reso sempre più "magico" e allora ecco che in alcune parti d'Italia veniva posto sulle labbra del nascituro per proteggerlo e conferirgli saggezza, perché si sa, il saggio ha "sale in zucca!" Per lo stesso motivo, da sempre si pensa che il sale protegga dal malocchio così c'è chi in Sicilia ancora oggi lo pone sotto il letto dentro una tazzina mentre a Napoli, e non solo, abbiamo visto spargerlo nelle porte di calcio perché porta bene.
I poteri del sale, dunque, sono noti sin da tempi antichissimi, d'altronde era l'unico modo per conservare cibi altrimenti deperibili, e la letteratura e la storia ne è piena di testimonianze. Ne parla anche il Vangelo come metafora del gusto e del senso della vita, mentre la Bibbia e la storia raccontano che era uso da parte dei conquistatori spargerne sui terreni conquistati per impedire che vi crescesse alcunché. Altra metafora legata al sale è il famoso detto "metterere il sale sulla coda" a qualcuno nel senso di prenderlo al laccio, catturarlo.
Significati persi nel tempo ma che ancora rimangono nel linguaggio comune come in Sicilia quando, in segno di imprecazione o di sventura augurata a qualcuno si dice ancora "botta ri sali" o "ci vininissi un corpu i sali" col sottotitolo "a cu sacciu io"!

Visit in 888.com Register information.

Su questo sito utilizziamo cookies per gestire la navigazione. Cliccando ok o continuando a navigare ne accetti l'utilizzo. European law